Come sbiancare i denti a casa

Avere denti bianchi è segno di buona salute, di un’ottima igiene personale ed è inoltre essenziale per un bel sorriso.

Se i denti non sono bianchi come si vorrebbe che fossero, ci sono alcuni suggeriementi che si possono provare direttamente a casa. Mentre nessuno di questi suggerimenti funziona allo stesso modo di un servizio di sbiancamento professionale, possono essere tuttavia di ausilio per sbiancare i denti senza spendere una fortuna. Basta ricordarsi di parlare con il proprio dentista prima di provare qualsiasi rimedio casalingo per assicurarsi di non danneggiare i propri denti. Se volete provare alcuni trattamenti per lo sbiancamento dei denti a casa, seguite i passaggi illustrati di seguito.

Metodo 1 di 6: utilizzare strisce sbiancanti

  • Trovare le giuste strisce sbiancanti: dovrebbero essere approvate dall’Associazione Dentisti Italiani (ANDI) e non dovrebbero contenere il biossido di cloro, che può realmente danneggiare il vostro smalto. Le strisce sbiancanti dovrebbe essere in polietilene e si possono trovare sia in farmacia che in un supermercato.Ci saranno due strisce – una per i denti inferiori ed una per i denti superiori. Ciascuna di esse sarà rivestita da un gel che aiuterà le strisce ad aderire ai vostri denti.Il costo medio delle strisce sbiancanti è di circa €30.
  • Spazzolare accuratamente ed usare il filo interdentale: questo vi aiuterà a rimuovere qualsiasi accumulo che impedirà ai denti di essere sbiancati. Usare il filo interdentale per denti vi consentirà di rimuovere la placca tra i denti e farà in modo che pure questa zona sia sbiancata.
  • Leggere attentamente le istruzioni: ogni confezione di gel sbiancante è leggermente diverso, quindi controllare le istruzioni per vedere come applicare le strisce, per quanto tempo lasciarle, e quanto spesso dovrebbero essere utilizzate. La maggior parte delle strisce sono utilizzate per circa mezz’ora due volte al giorno. Alcune devono essere sostituite dopo il loro utilizzo mentre le altre saranno semplicemente sciolte in bocca.
  • Applicare le strisce sui denti: applicare le strisce saldamente sopra i denti, pressando con le dita le strisce per aiutare il gel ad aderire ai denti. Evitare di spostare troppo la lingua o il gel si distribuirà in tutta la bocca. Questo non è nocivo, ma può risultare un po’ sgradevole. Lasciare le strisce sui denti per il periodo di tempo stabilito dalle istruzioni.
  • Rimuovere le strisce: dopo la giusta quantità di tempo di applicazione, rimuovere delicatamente le strisce dai denti e buttarle. Se si dissolvono, si può saltare questo passaggio.
  • Sciacquare la bocca: risciacquare abbondantemente finché il restante gel non è rimosso dalla bocca. Continuare usando le strisce sbiancanti per la quantità di tempo consigliato nelle istruzioni ed attendere per vedere i risultati.

Se si utilizzano le giuste strisce sbiancanti correttamente, sarete in grado di avere risultati fino a quattro mesi.

Metodo 2 di 6: utilizzare il Gel o Dentifricio Sbiancante

  • Utilizzare il gel sbiancante. Trovare un gel approvato dall’ANDI da usare sui denti e leggere le istruzioni per capire il processo di utilizzo di un gel sbiancante. Quindi, spazzolare il gel sui denti con uno spazzolino, proprio come si farebbe normalmente, per almeno due minuti. Quindi, sputare il gel rimanente e risciacquare la bocca fino a quando il gel è venuto fuori.
    Continuare ad usare il gel sbiancante due volte al giorno per quattordici giorni, o per tutto il tempo per cui il prodotto è consigliato seconde le istruzioni. I risultati si noteranno in pochi giorni.
    Usare un dentifricio sbiancante. Assicurarsi che il dentifricio sia approvato dall’ANDI prima dell’acquisto. I dentifrici sbiancanti approvati dall’ANDI sbiancano i denti rimuovendo delicatamente le loro macchie superficiali con la lucidatura, la chelazione chimica o altri processi non pericolosi per i denti. Utilizzare il dentifricio proprio come si userebbe qualsiasi altro dentifricio, lavarsi i denti per almeno due minuti e poi risciacquare la bocca.

Metodo 3 di 6: sbiancare i denti con perossido di idrogeno

I Kit sbiancanti in commercio non sono a buon mercato; per una soluzione più economica, si potrebbe prendere in considerazione il perossido di idrogeno per ottenere un effetto simile. Lo sbiancamento dei denti con perossido di idrogeno è riconosciuto come una pratica sicura dall’Associazione Dentisti Italiani.
Acquistare una bottiglia di perossido di idrogeno (acqua ossigenata) nella propria farmacia. Il perossido di idrogeno è comunemente utilizzato per curare le ferite della pelle, ma le sue proprietà antisettiche sono utili anche per l’igiene orale. Il perossido di idrogeno è generalmente confezionato in una bottiglia scura. L’imballaggio opaco impedisce alla luce di alterare la composizione della soluzione. Acquistare una soluzione al 3%, in quanto sicura per l’uso orale.
Utilizzare una miscela di perossido di idrogeno ed acqua come colluttorio. Usarlo ogni giorno prima di lavare i denti per sbiancarli in modo naturale. Assicurarsi di mescolarlo in una soluzione 50/50 con acqua:

  • Versare circa 2 cucchiai (30 ml) dell’antisettico in bocca e mescolarlo per 1 minuto. La soluzione inizierà a formare una schiuma; ciò è sintomo che sta funzionando. Il perossido di idrogeno combinato con batteri orali causa la formazione di bolle nella bocca.
  • Sputare la soluzione e sciacquare la bocca con acqua.
  • Lavarsi i denti normalmente.

Lavarsi i denti una volta a settimana con una pasta composta di acqua ossigenata e bicarbonato di sodio. Questa miscela aiuterà a mantenere i denti con un aspetto bianco e pulito:

  • Versare 2 cucchiaini (10 ml) di acqua ossigenata in 3 cucchiaini (15 millilitri) di bicarbonato di sodio.
  • Mescolarli insieme fino a formare una pasta. Provare a variare queste misurazioni fino a trovare una consistenza che vi piace. La pasta dovrebbe essere simile alla consistenza del dentifricio.
  • Aggiungere un po’ di dentifricio alla menta alla pasta fatta in casa per dare un sapore fresco. È inoltre possibile aggiungere una goccia di estratto di menta piperita.
  • Mescolare con un pizzico di sale. Il sale farà esfoliare i denti come accade con lo spazzolino. Tuttavia, il sale è molto abrasivo, quindi non usarlo troppo spesso.
  • Spalmare la miscela della pasta sul proprio spazzolino da denti.
  • Spazzolare la pasta sui propri denti con piccoli movimenti circolari. Una volta che tutti i denti sono coperti, lasciare che la miscela agisca sui denti per 2 minuti.
  • Sciacquare la soluzione dai denti facendola fluire con l’acqua dal lavandino del bagno.
  • Lavarsi i denti con dentifricio per liberarsi la bocca dagli eventuali residui della miscela di perossido di idrogeno.

Metodo 4 di 6: sbiancare i denti con bicarbonato di sodio

Bagnare lo spazzolino da denti ed immergerlo nel bicarbonato di sodio. Tutte le setole dovrebbero essere coperte con acqua in modo che le setole dello spazzolino appaiano bianche.
Lavarsi i denti per 2 minuti. Sputare se necessario.
Sputare il bicarbonato di sodio. Sciacquare la bocca pulita con acqua (non dovete avere il bicarbonato di sodio in bocca per un lungo periodo di tempo). L’uso successivo del colluttorio può contribuire a rimuovere il cattivo gusto del bicarbonato di sodio se è insopportabile.

Utilizzare questo metodo una o due volte a settimana per ottenere risultati migliori.

Avvertenze:

  • Se si verifica qualche formicolio in bocca dopo l’uso del bicarbonato di sodio, consultare il proprio dentista. questo potrebbe indicare la presenza di carie dentaria.
  • Un uso eccessivo di questo metodo può causare danni allo smalto che ricopre i denti. Consultare il proprio dentista per sapere per quanto tempo si dovrebbe provare questo metodo.
  • Aggiungere succo di lime o limone al bicarbonato di sodio. Questo comporta l’aggiunta di succo di lime o limone per il bicarbonato di sodio:
    • Spremere il succo di 1/2 limone o lime.
    • Mescolare il succo fresco con una 1/4 tazza di bicarbonato di sodio. Attendersi la formazione di un po’ di schiuma.
    • Tamponare un batuffolo di ovatta umida o un angolo di un panno per la pulizia del viso nella miscela. Strofinare il composto sopra i denti, facendo attenzione a farlo nelle fessure e negli angoli vicino alle gengive e fino alle estremità di ogni dente. Strofinare anche le parti posteriori dei denti.
    • Lasciare agire per un minuto, poi spazzolare immediatamente. Non lasciarla agire troppo a lungo in quanto è acida e può consumare il prezioso bianco perlaceo.
    • Utilizzare una volta a settimana o con minore frequenza. Nel corso del tempo, si dovrebbero vedere alcuni risultati di sbiancamento.

Metodo 5 di 6: apportare modifiche generali

Evitare cibi o bevande che macchiano i denti. Ove possibile, si può essere in grado di prevenire ulteriori macchie apportando alcuni cambiamenti nello stile di vita. Questo comprende la rinuncia al fumo e ridurre il consumo di tannino contenuto nelle bevande -soda, caffè, vino rosso e tè tutti contenenti tannini.In alcuni casi, può aiutare ad eliminare il tannino delle bevande bevendoli con una cannuccia (non bere liquidi caldi con una cannuccia).
Mangiare cibi che aiutano i denti naturalalmente. Alcuni alimenti possono effettivamente aiutare a mantenere i denti più bianchi. Di seguito sono elencati alcuni di loro:
• Mangiare più mele, sedano e carote. Sono come uno spazzolino da denti fatti di frutta e vegetali e incrementano la produzione di saliva in bocca, rimuovendo la placca. Come bonus aggiuntivo, hanno alti livelli di vitamina C che contribuiscono ad uccidere i batteri che causano odori sgradevoli e a rafforzare le gengive.
• Mangiare più fragole. Esse contengono un astringente naturale (acido malico), che aiuta a rimuovere le macchie. Per ottenere maggiori benefici, considerare di strofinare una mezza fragola sui denti o schiacciare la fragola applicandola sui denti. Lasciare agire per un minuto, quindi risciacquare bene.
• Sciacquare una volta a settimana con un bicchiere composto dal succo di mezzo limone e metà acqua calda. Questo schiarirà i denti. Non fatelo più di una volta a settimana però, il succo di limone può anche erodere i denti.
• Mangiare più formaggio duro. Aiuta ad aumentare la produzione di saliva in bocca, eliminando in questo modo i batteri che macchiano i denti.

Metodo 6 di 6: sane abitudini per l’igiene orale

  • Lavarsi i denti almeno due volte al giorno. Anche se lo spazzolino ed il filo interdentale non rimuoveranno le macchie esistenti, una buona igiene della bocca è essenziale per prevenire una maggiore macchiatura e per mantenere i denti in ottime condizioni. La prima cosa utile che si può fare è quella di lavarsi i denti regolarmente, per rimuovere la placca, i residui di cibo e di bevande. La placca attaccherà i denti e le gengive se lasciati sedimentare mentre la spazzolatura (in concomitanza con l’uso del filo interdentale) aiuta a disturbare la sua capacità di crescere.
  • Spazzolare i denti prima o dopo la colazione e prima di andare a letto. Questo è il minimo; molte persone amano anche spazzolare i denti dopo pranzo ed anche dopo gli spuntini, soprattutto in presenza di snack zuccherati.
  • Usare il filo interdentale quotidianamente. Il filo interdentale è il modo più efficace per rimuovere l’accumulo di placca da tra i denti e vicino alle gengive. Con la rimozione della placca, i denti appariranno molto più puliti e quindi più luminosi. Utilizzare il filo interdentale almeno una volta al giorno. Un buon momento è la sera, dopo la spazzolatura e prima di andare a letto. Sperimentare diversi tipi di filo interdentale fino a trovare quello che funziona meglio. Alcuni tipi di filo interdentale possono essere troppo ruvidi, troppo scivolosi o troppo aromatizzati, quindi andate alla ricerca di quello più adatto.
  • Gargarismi con il collutorio. Il collutorio uccide i batteri e può contenere elementi in grado di rafforzare i denti. Usato insieme con lo spazzolino ed il filo interdentale, il collutorio può aiutare a ridurre i batteri, uccidere i cattivi odori e tenere i denti più sani e più puliti.
    Come con il filo interdentale, non tutti i collutori sono identici. Sperimentarne diversi tipi fino a trovare un collutorio che piace e che lascia sui denti e sulle gengive una sensazione fresca.
  • Programmare gli appuntamenti dal dentista in modo regolare. Andate dal dentista per pulire i denti professionalmente secondo gli appuntamenti pianificati. Questo aiuterà a mantenere una buona igiene dentale, individuare eventuali carie e mantenere i denti bianchi e sani. Ricordare di consultare il vostro dentista prima di provare qualsiasi prodotto sbiancante per assicurarvi che non danneggi denti. Se si soffre di denti e gengive molto sensibili, o corone o qualche altro problema dentale che non reagisce bene con un prodotto sbiancante, il dentista lo saprà.
    In caso di denti molto scuri è solitamente meglio far ricorso a professionisti.

Avvertenze

  • Non utilizzare il metodo del bicarbonato troppo spesso, l’abrasione può danneggiare permanentemente lo smalto dei denti. Ci sono alcuni marche speciali di dentifrici (spesso commercializzate per i fumatori) che contengono abrasivi molto più delicati del bicarbonato di sodio. Possono essere usati quotidianamente senza alcun rischio per la salute dei denti e contribuiscono a rimuovere non solo le macchie di tabacco, ma anche le macchie di caffè, tè e vino.
  • Non usare uno spazzolino troppo duro a lungo termine perché ciò potrebbe danneggiare lo smalto (questa viene chiamata abrasione), portando ad ipersensibilità.
  • Se avete tagli o graffi in bocca, potreste avvertire una sensazione di bruciore quando utilizzate il perossido di idrogeno. I tagli possono temporaneamente diventare bianchi. Questo è normale.
  • Troppo bicarbonato di sodio può danneggiare i denti.
  • Fare attenzione a non inghiottire il perossido di idrogeno durante il processo di sbiancamento. La sua deglutizione può causare vomito, ustioni o persino la morte.
  • Non usare troppo perossido di idrogeno, danneggerà lo smalto dei denti.
  • Il bicarbonato di sodio può sciogliere la colla ortodontica. Non utilizzare questo metodo se avete ganci o fermi permanenti.
  • Se miscelate lime o limone con bicarbonato di sodio, evitare di spazzolare sulle gengive per quanto possibile. Se notate il sanguinamento delle gengive durante il processo di lavaggio dei denti, interrompere immediatamente e sciacquare la bocca. Questo significa che le gengive sono sensibili per via dell’abrasività del lime /limone e la miscela di bicarbonato di sodio. È possibile continuare con questo metodo dopo 2-3 giorni.
  • Leggere attentamente le istruzioni quando si utilizzano preparati commerciali per lo sbiancamento.
  • Fate la ricerca su sostanze chimiche utilizzate negli sbiancanti per i denti. Se non vi piacciono gli ingredienti o anche se non si riescono a trovarli elencati, è consigliabile utilizzare un metodo diverso.
  • I denti sbiancati possono sembrare più sensibili per un certo periodo di tempo.